Blog

Gastronomia ibizenca, un incontro di culture

Il profumo estivo dei pomodori maturi, l'autunno dolce delle mandorle, i sapori intensi dei piatti invernali e le primizie di primavera. Ogni stagione è una rivelazione e ogni giorno una scoperta: la cucina ibizenca è ricca di prodotti della terra e doni del mare. Il pescato argenteo brilla sotto il sole mediterraneo, e quel pizzico di sale esalta il gusto da 2.600 anni, una lunga storia di appetiti e tradizioni

Può una piccola isola nel Mediterraneo racchiudere un mondo di sapori? La natura generosa dell’entroterra e l’abbondanza del mare fanno la loro parte, ma furono le civiltà che l’abitarono nei millenni ad intrecciare i loro saperi e dare inconsciamente vita ad uno dei “ricettari” più antichi e floridi del Mediterraneo. Ibiza si scopre attraverso i piatti tramandati nel tempo, da un focolare all’altro: le ricette ibizenche sono una straordinaria eredità della storia, eco di Fenici, Punici, Romani, Arabi e Cristiani.

I campi e gli orti dell’isola sono assortiti e abbondanti, i frutteti carichi di dolcezze, coltivazioni che seguono con gentilezza il ritmo delle stagioni. La natura addomesticata si fonde e confonde con l’animo selvaggio dell’isola, quello dei boschi che offrono funghi e un’incredibile varietà di erbe aromatiche, le stesse che insaporiscono i piatti con un pizzico di sale, il più antico prodotto gastronomico dell’isola, raccolto sin dal tempo dei Fenici. 

Il paesaggio dell’entroterra sembra dipinto dalle macchie argentee degli ulivi, chiome generose di frutti da cui si ricava l’olio d’oliva IGP, e disegnate da vigneti ordinati, piccoli, bassi e carichi di uva dolcissima che offre un vino conosciuto sin dai tempi punici e romani, oggi denominato “Vi de la Terra”. L’allevamento di bestiame autoctono, unito alle primizie di un territorio sempre più tutelato dall’agricoltura responsabile, contribuiscono alla creazione di prodotti esclusivi: olio, vini, ma anche formaggi, miele, insaccati, conserve, liquori e persino la preparazione di spezie come la paprika, della particolare varietà “Citró de matances”.

La tutela dell’ambiente è una prerogativa per la terra ma anche per il mare grazie al marchio “Peix Nostrum” che garantisce al consumatore pesce e frutti di mare pescati solo dalla flotta ibizenca, oltre la corretta manipolazione e conservazione. Inoltre, sono a decine i pescatori che si prendono cura dello stato delle zone di pesca e salpano ogni giorno a bordo dei tradizionali “llaüt” in legno, le imbarcazioni tipiche dell’isola che utilizzano antiche attrezzature poco impattanti sull’ecosistema marino. 

La modernità della proposta gastronomica che oggi l’isola ha da offrire non ha svilito la sua autenticità. Il virtuoso cambio di rotta verso una produzione sempre più attenta delle materie prime e della loro lavorazione, e una pesca sostenibile, tutela e avvalora ancora di più i prodotti del territorio. Ibiza offre una qualità altissima di ristoranti, dai piccoli chioschi sulla spiaggia dove ascoltare il suono delle onde mentre si gustano le delizie, alle taverne dell’entroterra dove il tempo sembra essersi fermato, dai nuovi spazi d’avanguardia dal design moderno, alle suggestioni del passato rurale che trasformano vecchie case di campagna in place to be non solo per il palato. La ristorazione ad Ibiza è sempre più un concetto esperienziale, capace di coinvolgere i sensi a 360 gradi, dando sempre priorità alla qualità delle pietanze.

Durante il vostro soggiorno potrete scegliere tra ristoranti tipici dove la cucina resta ancorata ai ricettari di un tempo con orgoglio. Qui è possibile ordinare piatti come il “bullit de peix”, il “guisat de peix”, la “caldereta d’aragosta”, un’ampia varietà di paella, il “fideuá e risi brodosi”, la “salmorra di pesce”, la “borrida de rajada”, oltre ad un’incredibile varietà di grigliate e pesci al forno che ben rappresentano la tradizione marinara dell’isola. In alternativa piatti di carne come il “sofrit pagès” o “l’arroz de matanzas”, oppure deliziose portate a base di legumi e verdure. Se invece desiderate sperimentare qualcosa di diverso, non mancano le numerose proposte contemporanee, dove il presente riscopre le tradizioni in una creatività fatta di contaminazioni, un intrigante gioco di sapori e i saperi per un’esperienza che sa di mondo, senza mai perdere quel pizzico di autenticità propria dell’Isola. Anche la cucina fusion resta fedele all’economia dell’isola con Sabors D’Eivissa, l’iniziativa locale e governativa che promuove e sostiene i produttori e i fornitori di eccellenti specialità di Ibiza.

Dulcis in fundo la pasticceria, una sinfonia culturale di aromi che mixa sapientemente i sapori delle terre mediterranee in cui spicca la dolcissima nota araba. Da provare il “flaó”, la sorprendente torta di ricotta e mentastro verde, la “greixo-nera”, un budino preparato con “ensaimadas”, le famose “orelletes” e i “buñuelos”, immancabili dolcetti casalinghi, da accompagnare alle delicate ebbrezze alcoliche dei liquori locali come l’“hierbas ibicencas” o la “frígola”, oppure ad una tazza di “cafè caleta” fumante, che mixa la verve della caffeina ai sentori agrumati e speziati di una piccola terra mediterranea, scrigno di infiniti sapori. 

i prodotti tipici di Ibiza

  • Olio d’oliva IGP
  • Vino “Ibiza Vi de la Terra”
  • Sale
  • Miele
  • Paprika
  • Formaggio
  • Peix nostrum
  • Sobrassada e Butifarra
  • Flaó
  • Orelletes
  • Hierbas Ibicencas
  • Prodotti della mandorla e della carruba

Credits: Fototeca Ibiza Travel

Seguici su